Novità sulla prova supporti
  • 0 comments

Gentili Clienti,

Mamma Marsupio, dopo aver ponderato per mesi, si vede costretta ad aggiungere una regola alla prova senza acquisto dei supporti strutturati per coloro che non abbiano mai acquistato babywearing presso il negozio.

Quando una mamma, un papà, una famiglia, entrano in negozio per approcciarsi al mondo del portare, vengono accolti con affetto e seguiti con passione e competenza anche per ore. Mamma Marsupio consente la prova di ogni supporto (campione) in vendita e spiega con dovizia di particolari caratteristiche e metodi per indossarlo correttamente. I Clienti sono liberi di provare e riprovare onde poter capire se il supporto faccia o meno per loro. Mamma Marsupio, pur essendo una realtà commerciale, offre, in sostanza, un servizio che, fino ad oggi, è stato totalmente gratuito.

Mamma Marsupio offre inoltre il servizio fascioteca (noleggio) a pagamento per coloro che non sono del tutto convinti di un acquisto definitivo.

Mamma Marsupio, ultimamente, purtroppo si è spesso sentita sfruttata e presa e in giro.

Far provare un supporto significa usurarlo, significa assumersi il rischio che i bimbi rigurgitino o vomitino nel supporto, significa dover curare al massimo l’igiene perchè i bimbi ciucciano, leccano, mordono e non tutte le mamme sono “easy” nei confronti dei fluidi corporei altrui. Far provare un supporto significa donare del tempo, competenza, attenzione, empatia.

Con oggi il servizio prova dei supporti avrà il costo di euro 5 per tutti coloro che, dopo la prova, non opteranno nè per il servizio fascioteca, nè per l’acquisto. Sono esclusi dal pagamento prova i Clienti che abbiano già acquistato babywearing presso il negozio.

Mamma Marsupio comprende di aver preso una decisione impopolare ma è certa di incontrare la comprensione della Clientela. La scelta deriva da mesi di riflessioni, di incontri con mamme, gruppi di mamme, famiglie e dalla necessità di garantire sempre un servizio al meglio delle possibilità.

Grazie.

 

 

Condividi

About the Author: Deborah Asnaghi
0